Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="4890"]
Zapisz Zapisz

Lino Banfi e lo spot TIM censurato

Posted on 0 No tags 0

Alla fine i genitori indignati del MOIGE hanno vinto.

Censurato lo spot di Lino Banfi per un “Porca Puttena” che non poteva passare inosservato. Poco importa se i tanti nostalgici hanno ricordato le “gesta” di Oronzo Canà degli anni ottanta. A nulla è valsa la frase scaramantica recitata dai nostri beniamini pallonari freschi del titolo di campioni d’Europa.

Anello di carta – 3

Posted on 0 No tags 0

Volevo mostravi qualche altra mia creazione. Sempre carta riciclata, tanta pazienza ed un po’ di fantasia. Ne è venuto fuori un anello. Vi piiace?

SIGI? Meglio Tacopina.

Posted on 0 No tags 0

Per gli amanti del calcio a tinte rossazzurre l’ennesima estate in cui libri contabili, tribunali, investitori, Covisoc e pignoramenti lasciano poco, pochissimo spazio al calcio giocato e ai sogni e alle speranze di fine estate.
E’ passato poco più di un anno da quando volavano tappi di spumante sui gradini del Tribunale e le sciarpe rossazzurre,

Scarpe Lidl a ruba. Ai miei tempi…

Posted on 0 No tags 0

Oggi, i nostri giovani, in tema di scarpe sono molto più avanti! Seguono la moda, cavalcano le tendenze, conoscono marche, modelli, prezzi..

Ai miei tempi non c’era molta scelta: c’erano le scarpe “buone” per uscire, e quelle”scarse” per giocare. Già, le calzature da indossare nei campi polverosi dove inseguivamo,

Il bello(?) della pubblicità – Parte 1

Posted on 0 No tags 0

Praticamente c’è Diletta Leotta che passeggia in manica corta come se stesse sfilando al Fashion Week.

Passa Melo “u zzauddu” con il Suv e la infradicia dalla testa ai piedi.

Lì vicino, che assiste alla scena, c’è Agatino dipendente dell’Acoset. Lui è proprio bonazzo, ma così gnocco che nemmeno i pompieri australiani…

Addio a Gianfranco De Laurentiis

Posted on 0 No tags 0

Erano gli anni novanta.
Gli anni della stupefacente Sampdoria di Vialli e Mancini, del giovane Zola che si faceva largo nel Napoli e della deludente Juventus di Maifredi che aveva appena strappato un certo Baggio alla Fiorentina e che poteva contare, in attacco, sulla coppia Casiraghi e Schillaci con il palermitano che avrebbe reso magiche le nostre notti d’estate.