Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="4890"]
Zapisz Zapisz

Addio a Gianfranco De Laurentiis

Posted on 0 No tags 0

Erano gli anni novanta.
Gli anni della stupefacente Sampdoria di Vialli e Mancini, del giovane Zola che si faceva largo nel Napoli e della deludente Juventus di Maifredi che aveva appena strappato un certo Baggio alla Fiorentina e che poteva contare, in attacco, sulla coppia Casiraghi e Schillaci con il palermitano che avrebbe reso magiche le nostre notti d’estate.

E’ di questo che abbiamo bisogno?

Posted on 0 No tags 1

Caro Presidente Musumeci, io non l’ho votata essendo le mie idee politiche diametralmente opposte alle Sue, a maggior ragione dopo il flirt con Salvini.

La reputo una persona intelligente tanto da sapere che l’ordinanza emanata è relativa ad una materia non di sua competenza.

 

In questo momento di difficoltà, è di questo che abbiamo bisogno?

La carriola

Posted on 0 No tags 0

C’è stato un tempo in cui le menti dei bambini non erano totalmente rapite da Fortnite ed affini. Un tempo in cui il Commodore 64 faceva capolino con la sua limitata, ma innovativa tecnologia, e quando l’unica cosa che i ragazzini avessero tra le mani (e che fosse catalogabile come tecnologico) era lo “scacciapensieri”.

Ciondolo di carta – 2

Posted on 0 No tags 0

Per la nuova rubrica Marco fa cose, oggi vi presento un nuovo pendaglio.
Questa volta i Post-it rosso, giallo e arancio sono stati i fortunati a dare vita a questo pendaglio dalla forma rettangolare.
Se non avete visto la mia precedente creazione, la trovate qui

Questa è una vera Pasqua

Questa è una vera Pasqua. Non una delle solite a cui eravamo ultimamente abituati.

Nessuna festa consumistica, nessun messaggio whatsapp riciclato, nessuna abbuffata…

Abbiamo vissuto una Pasqua intima in cui abbiamo sentito forte il senso di questa festa, del suo significato: il “passaggio”.

La pandemia che stiamo vivendo segnerà le nostre vite.

Corona virus: Bentornati al Sud

Posted on 0 No tags 0

Ok, adesso sei tornato a casa.

Questa cosa della quarantena ti ha messo ansia.

Per fortuna qualcuno ha (volutamente?) spifferato la chiusura delle zone rosse e così hai fatto in tempo a prendere il primo treno disponibile.

Anche altri terroni come te hanno avuto la stessa idea e ti sei trovato in un vagone affollato in compagnia di colleghi,