Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="4890"]
Zapisz Zapisz

Da Autostrade per l’Italia, Rita Alonzi

Da Autostrade per l’Italia, Rita Alonzi
Da vent’anni, ormai, l’appuntamento quotidiano con Rita Alonzi, rappresenta per me un momento importante dal quale non si può prescindere. Piccoli gesti quotidiani che danno inizio alla giornata: sbirci dalle tapparelle per vedere se fuori c’è bel tempo (anche se di primo mattino le giornate sono tutte uguali), guardi il termostato per accorgerti che la temperatura non è quella del giorno prima (con relativa esclamazione di stupore), accendi la macchinetta del caffè ed ascolti il TG5.
Solite notizie. Il solito pazzo che accoltella qualcuno, il governo che sta per cadere, gossip, sport… Poi il fastidiosissimo jingle che annuncia le notizie sul traffico…

Poi c’è Lei. Con lo stesso timbro di voce da vent’anni, con lo stesso entusiasmo che hanno i miei figli appena svegli nello scoprire che non è sabato e devono andare a scuola…
Lei, Rita Alonzi o Ritalonzi tutto unito (fate voi…) è sempre li… Imperterrita… Qualsiasi cosa succeda nel mondo lei c’è…
Nessun conflitto in Siria potrà mai essere più importante del traffico sul Grande Raccordo Anulare…
Lei è di casa… Quando sento la sua voce, la saluto…
Quando al suo posto c’è uno scialbo collega che la sostituisce, entro in paranoia… Mi preoccupo… Mi verrebbe da contattare il TG5 per avere notizie della parente acquisita… Ma poi penso che potrebbe essere rimasta bloccata dalle lunghe code a tratti sull’Autobrennero e mi tranquillizzo…

Che poi, mi domando da dove nasca questa empatia con la cara Rita. Mai una volta che mi avesse dato qualche dritta sull’A18… Che so… Un rallentamento… Un rifacimento del manto stradale… Niente!
Il traforo Stradale del Frejus intasato, la Genova-Ventimiglia impercorribile, l’Adriatica A14 si percorre a senso alternato… E da noi? Da noi tutto tace! Le nostre autostrade (?) funzionano perfettamente… Se non arriviamo puntuali in ufficio è perchè, da buoni meridionali, non vogliamo lavorare. Punto.
Poi, però, ci troviamo puntualmente l’addetto dell’Anas sul ciglio della strada che sventola dolcemente la sua bandierina… Fila chilometrica per poi scoprire che stavano eseguendo solo qualche lavoretto di potatura nello spartitraffico… alle 11 del mattino…
Ed è in quel momento che ti ricordi di Rita Alonzi…
Da Autostrada per Catania, Marco Navarria

signature
1 Response
  • multiartevents
    30 luglio 2018

    la pessima cantilena dell’annunciatrice Rita Alonzi …….da cambiare canale subito!

    Cosa ne pensi?

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *